Sisma Abruzzo, Berlusconi: non ci saranno sprechi

1' di lettura

Il presidente del Consiglio nel primo anniversario del devastante terremoto: ci vorranno anni per ricostruire i centri storici, ma le risorse per ricostruire L’Aquila sono già state previste

L'Aquila, un anno dopo: LE FOTO
Abruzzo, il ritorno alla normalità: LE FOTO
Onna, Paganica: ieri e oggi. LE FOTO

"La ricostruzione dell'Abruzzo non ha e non avra' nulla a che vedere con gli sprechi e i ritardi del Belice, dell'Irpinia e dell'Umbria". Lo afferma il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in una intervista al quotidiano 'Il Centro'.

Per quanto riguarda la ricostruzione dei centri storici, Berlusconi afferma: "Ci vorranno anni per giungere al restauro e alla completa ricostruzione di quanto e' stato lesionato o perduto. Gli aquilani tuttavia devono essere fiduciosi perche' le risorse necessarie per ricostruire L'Aquila sono state previste nel decreto terremoto: 8,6 miliardi di euro. Lo sgombero delle macerie, bloccato 10 mesi fa dal comune dell'Aquila, sta avvenendo e la ricostruzione e' gia' partita. Nell'attesa tutti vivono in una situazione dignitosa in case confortevoli e sicure". Berlusconi 'tira le orecchie' agli Stati stranieri perche' su 44 opere d'arte solo 8 sono state adottate da governi amici. "Gli aiuti internazionali sono ben accolti - dice Berlusconi - ma non credo sia per noi dignitoso sollecitarli. Lo Stato italiano e' perfettamente in grado di far fronte allo sforzo per riparare i danni subiti dal patrimonio artistico e culturale dell'Aquila".

Leggi tutto