Elisa Claps, secondo il perito della famiglia fu violentata

Elisa Claps
1' di lettura

Terminato il terzo sopralluogo della polizia scientifica nella chiesa della Santissima Trinità, dove sono stati ritrovati i resti della giovane potentina. Il consulente ha riferito che Elisa fu stuprata prima dell'omicidio

E' terminato, nella serata del 30 marzo, il terzo sopralluogo della polizia scientifica nella chiesa potentina della Santissima Trinità, nel cui sottotetto furono ritrovati, il 17 marzo 2010, i resti di Elisa Claps. Avvicinata dai giornalisti, il pm di Salerno Rosa Volpe, che coordina le indagini, ha unicamente dichiarato: "Torneremo se necessario".

Ma rivelazioni importanti sono state date da Marco Gallo, consulente della famiglia della ragazza. Uscendo dalla chiesa, prima che terminasse il sopralluogo, il perito ha dichiarato: "La violenza sessuale subita da Elisa è un dato sicuro". Rispondendo alle domande dei giornalisti, Gallo ha sostenuto che "dai fatti ufficiali è sicuro" che il 12 settembre 1993 Danilo Restivo (l'unico indagato per omicidio, violenza sessuale e occultamento di cadavere) "è sicuramente stato con Elisa. Ora bisogna vedere quando e dove l'ha lasciata". Il perito ha detto di non sapere "se ci sono tracce biologiche di Restivo sul corpo di Elisa".

Guarda anche:
Mistero Claps, nella chiesa trovate anche tracce di liquido
Le foto dei primi rilievi nel sottotetto della chiesa
Il parroco: "Non sapevo nulla di quel cadavere"
Elisa Claps, eseguita a Bari l'autopsia
Caso Claps: un mistero lungo 17 anni
Una speranza di verità in Inghilterra
Potenza si ferma per ricordare Elisa Claps
Danilo Restivo: sono tranquillo

Leggi tutto