L'Aquila: si barrica in casa con figli, liberi con un blitz

1' di lettura

L’uomo, che ha tenuto in ostaggio i bambini in un alloggio del progetto Case, è in causa di separazione con la moglie e teme di perdere l'affidamento dei bambini. Minacciava azioni violente

Terremoto in Abruzzo: l'album fotografico
Terremoto in Abruzzo: lo speciale

Poco prima delle 7 gli uomini del Nocs, il gruppo speciale della Polizia addestrato in operazioni ad alto rischio, ha liberato con un blitz i tre bambini (uno di 9 anni e due gemellini di cinque) tenuti in ostaggio dalla serata di ieri dal padre. L'uomo, che ha in corso una causa di separazione dalla moglie, temeva di perdere l'affidamento dei piccoli e si era chiuso in uno degli appartamenti del Progetto Case (Complessi antisismici sostenibili ecocompatibili) minacciando azioni violente. Nella notte erano proseguite le trattative per arrivare alla sua resa, ma vista l'inutilità degli sforzi, i Nocs hanno sfondato la porta di casa e liberato i bimbi che stanno bene.

Guarda anche:
L’Aquila, il popolo delle carriole non si arrende
L'Aquila, arriva il popolo delle carriole. LA FOTOGALLERY
Elezioni Provinciali a L'Aquila: i risultati

Leggi tutto