Marrazzo, il legale: "Nessun legame con il caso Cafasso"

Piero Marrazzo
1' di lettura

L'avvocato dell'ex presidente della Regione Lazio dopo l'inchiesta sulla morte del pusher precisa che "l'accostamento di Marrazzo con fatti altamente criminosi è assolutamente inaccettabile e lesivo della sua onorabilità"

CASO MARRAZZO, L'ALBUM FOTOGRAFICO

"L'accostamento di Marrazzo con fatti altamente criminosi è assolutamente inaccettabile e lesivo della sua onorabilità, che ho ricevuto mandato di tutelare in tutte le sedi competenti. Per tale ragione ho inviato, questa mattina, una richiesta di intervento al Garante per la Privacy e all'Autorità garante per le Comunicazioni". Lo lo annuncia, in una nota, il legale dell'ex presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo, Luca Petrucci. 

"Ho avuto modo di vedere su tutti gli organi di informazione, titoli e immagini, che - aggiunge - fanno riferimento a Piero Marrazzo per presentare quello che, in realtà, è il Caso Cafasso, per il quale risultano indagati dei carabinieri accusati di aver compiuto azioni delinquenziali gravissime. E' bene ribadire e denunciare, con grande forza, come Piero Marrazzo, in questa indagine - conclude -, non abbia alcun ruolo, né come teste, né come parte offesa".

Guarda anche:
Brenda, il legale: tante coincidenze con la morte di Cafasso
Carabiniere indagato per morte pusher Cafasso
Caso Marrazzo, restano in carcere due carabinieri
"Violenze e intimidazioni", il racconto di Marrazzo ai pm

Caso Marrazzo, per la morte di Cafasso ipotesi di omicidio volontario
Marrazzo, filmati ancora in possesso degli indagati
Brenda, la transessuale coinvolta nel caso Marrazzo trovata morta

Leggi tutto