Napoli, scoperto hotel trasformato in casa d’appuntamenti

1' di lettura

Chiuso dai carabinieri un albergo in pieno centro diventato alcova per squillo di alto bordo, reclutate tramite un sito Internet. In manette sono finiti un italiano e un tunisino con l'accusa di sfruttamento della prostituzione

Un albergo a tre stelle nel centro di Napoli era diventato un'alcova per la prostituzione di ragazze brasiliane e spagnole “proposte” a clienti vip, tra i quali molti professionisti. Lo hanno scoperto i carabinieri della stazione Posillipo che hanno arrestato l'amministratore e l'addetto alla reception della struttura, l'imprenditore Michele Granieri, di 38 anni, e il tunisino Fathi Najah, di 32 anni, residente a Casalnuovo, nel Napoletano. L'hotel Des Artistes nel quale le ragazze venivano fatte prostituire è stato posto sotto sequestro. Si trova a circa 200 metri dal Duomo di Napoli, di fronte ad un istituto di formazione frequentato anche da suore.

GUARDA ANCHE:

Napoli, parcheggio trasformato in casa d'appuntamento
Roma, scoperta casa d'appuntamenti in salone di barbiere

Pompei, chiusi i nuovi "Lupanari" per pellegrini
Si fingeva malata in ufficio e andava a prostituirsi

Leggi tutto