Trani: Berlusconi indagato con Innocenzi e Minzolini

1' di lettura

Al premier contestate concussione e minacce. Il presidente del Consiglio scandalizzato: "Legge violata". Ghedini: "Gravi irregolarità".In merito all'inchiesta viene sentito come persona informata dei fatti Michele Santoro

Inizia oggi nella Procura di Trani l'ispezione disposta dal ministro della Giustizia, Angelino Alfano, sull'inchiesta Rai-Agcom, che vede il premier Silvio Berlusconi indagato per concussione e minacce ai danni dell'ufficio del Garante per le Comunicazioni.
Alfano ipotizza incompetenza territoriale, abuso delle intercettazioni e rivelazione di segreto istruttorio. "Palesi violazioni di legge" nelle indagini denuncia da parte sua Berlusconi, accusato di aver cercato di fermare 'Annozero'.

Intanto, in un'intervista al Gr1, il premier è tornato sulle intercettazioni svolte nei suoi confronti dalla Procura di Trani. "Sono innanzitutto scandalizzato. Ci sono state palesi violazioni della legge. È una inziativa grottesca e a fini puramente mediatici. Sul contenuto non sono affatto preoccupato perché c'è un diritto del presidente del Consiglio di parlare al telefono con chiunque senza essere intercettato anche surrettiziamente come, invece, avviene qui".

Oggi gli inquirenti ascolteranno come testimone il conduttore del talk show Rai, Michele Santoro. Nelle intercettazioni è finito anche il consigliere del Csm Cosimo Ferri: il Comitato di presidenza deciderà oggi se aprire una pratica sul caso.

Guarda anche:
Trani, Berlusconi indagato per concussione e minacce
Csm: chiarimenti su ispezione
Rai, il Procuratore di Trani: "E' un'inchiesta seria"
Berlusconi: c’è aria avvelenata. Di Pietro: mi teme
Berlusconi: "Inchiesta grottesca, solo fango su di noi"
Pressioni su Agcom, bufera su Berlusconi
Minzolini: "Vogliono intimidire me e il Tg1"
Pressioni Rai, Santoro: “Testimonierò a Trani”
Intercettazioni, Padellaro conferma lo scoop

Leggi tutto