Incendio in un locale a Roma: quattro morti

1' di lettura

Un peruviano di 25 anni, un romeno di 24 e due ragazze di origine sudamericana le vittime del rogo scoppiato durante una festa privata nel garage adibito a circolo culturale

Quattro persone sono morte in un incendio scoppiato ieri sera in un seminterrato in via Cappadocia, nel quartiere di San Giovanni a Roma.

Le vittime sono: un operaio romeno di 24 anni, un domestico peruviano di 25, una salvadoregna di 25 anni e una guatemalteca di 21 anni.

Le fiamme sono divampate all'interno di un garage adibito a circolo culturale, denominato ''Sabor latino'', dove era in corso una festa privata. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri a prendere fuoco sarebbe stato l'impianto di amplificazione della musica. Alla festa erano presenti circa trenta persone. Secondo quanto accertato dai militari dell'Arma l'uscita di sicurezza del locale era chiusa a chiave. 

Il sostituto procuratore Bice Barborini sta valutando l'apertura di un fascicolo con l'ipotesi di omicidio colposo plurimo. I carabinieri stanno verificando le regolarità della licenza dell'associazione culturale. Quanto alla porta antincendio, il cittadino macedone intestatario della licenza, gestore anche del garage attiguo al luogo dell'incendio, avrebbe riferito agli investigatori dell'Arma che la porta era difettosa ma non chiusa a chiave. Dagli elementi finora acquisiti, i vigili del fuoco ritengono l'incendio causato da una fatalità e non da un atto doloso.

"Era inevitabile che accadesse una cosa del genere: io in quel locale ci sono stato, nulla era a norma". E' il racconto di un abitante della zona di via Cappadocia, a Roma, dove ieri sera, in un seminterrato adibito a locale, è scoppiato un incendio che ha causato la morte di quattro persone.

Guarda anche:
Milano, incendio in un campo nomadi: muore un 13enne

Leggi tutto