Cassazione, criticare le donne in quanto tali è diffamazione

1' di lettura

Confermata la condanna per diffamazione nei confronti di un giornalista e di un sindacalista colpevoli di aver pubblicato nel 2002 un articolo considerato maschilista e discriminatorio verso le donne

La Cassazione ha giudicato diffamatorie le critiche maschiliste rivolte da un sindacalista, e riportate da un giornale, alla direttrice di un carcere, affermando in una sentenza pubblicata venerdì 12 marzo che le donne non possono essere criticate solo perché appartengono al genere femminile e senza alcun riferimento a fatti specifici.

La quinta sezione penale della Suprema Corte ha confermato la condanna di un cronista e di un sindacalista per diffamazione a mezzo stampa nei confronti della direttrice del penitenziario di Arienzo. Sul banco degli imputati era finito un articolo pubblicato il 14 giugno del 2002 sul "Corriere di Caserta", dal titolo "Carcere, per dirigerlo serve un uomo".

Sul quotidiano erano riportati anche dei virgolettati di un'intervista al sindacalista, nella quale si dichiarava che "sarebbe meglio una gestione al maschile".
Entrambi gli imputati, condannati sia in primo che il secondo grado dai giudici di Salerno, si erano difesi invocando l'uno il diritto di cronaca, l'altro quella del diritto di critica sindacale. Ma la Cassazione ha rigettato i loro ricorsi, perché i commenti comparsi sul giornale "sono certamente lesivi della reputazione" della direttrice del carcere, "trattandosi di espressioni assolutamente gratuite, sganciate dai fatti e che costituiscono una mera valutazione, ripresa a caratteri cubitali nel titolo, nel quale si puntualizza proprio la necessità (sottolineata dal verbo servire) di affidare la direzione del carcere comunque ad un uomo".

"La censura mossa alla persona offesa è sganciata da ogni dato gestionale ed è riferita al solo fatto di essere una donna. E' un gratuito apprezzamento...contrario alla dignità della persona perché ancorato al profilo, ritenuto decisivo, che deriva dal dato biologico dell'appartenenza all'uno o all'altro sesso".

La direttrice, Carmela Campi, ora non più direttrice dell'istituto penitenziario di Arienzo ma a  Carinola nel casertano, ha fatto causa al 'Corriere di Caserta' per l'articolo diffamatorio nei suoi confronti pubblicato il 14 giugno del 2002 dal titolo 'Carcere, per dirigerlo serve un uomo' perché, come spiega, "non ho mai potuto tollerare le discriminazioni. Quell'articolo invece era lesivo della dignità perché non esistono persone buone o cattive in base al sesso. Le persone o sono capaci o sono incapaci". La direttrice Campi ha vinto la sua causa in tutti e tre i gradi di giudizio." E me ne rallegro - afferma ancora -. Non potrei mai tollerare discriminazioni solo perché siamo donne e poi, a dirla tutta, noi donne abbiamo una marcia in più".

Leggi tutto
Prossimo articolo