Via Poma, si è ucciso Pietro Vanacore

Uno dei biglietti lasciati sul cruscotto dell'auto da Pietrino Vanacore
1' di lettura

L'ex portinaio dello stabile dove fu uccisa Simonetta Cesaroni si è gettato in acqua a Torre Ovo (Taranto). Era stato indagato e poi prosciolto. Ha lasciato un cartello: 20 anni di sofferenze portano a questo. Il legale di Busco: sapeva qualcosa

Si è suicidato Pietro Vanacore, il portiere dello stabile di via Poma dove fu uccisa Simonetta Cesaroni.
Vanacore si è gettato in acqua in località Torre Ovo, vicino Torricella, in provincia di Taranto, dove risiedeva ormai da anni.
E' stato ritrovato in mare, a pochi metri dalla riva. Aveva una corda intorno a una caviglia e un'altra legata a un albero sulla spiaggia.
A dare l'allarme è stato un gruppo di amici di Vanacore, che passando hanno riconosciuto l'auto dell'uomo.
Sull'auto c'erano dei grossi cartelli con frasi che secondo gli inquirenti potrebbero aver preannunciato
un gesto estremo, come "Vent'anni di sofferenze portano a questo".

Pietrino Vanacore fu arrestato il 3 agosto del '90, con l'accusa di omicidio tre giorni dopo il delitto. Il 16 giugno '93 fu prosciolto dal gip Cappiello perché "il fatto non sussiste". La decisione divenne definitiva nel 1995 dopo il ricorso in Cassazione. Dopo l'uscita di scena decise di lasciare Roma.

Vanacore, venerdì prossimo, davanti alla Corte d'Assise di Roma, doveva deporre insieme agli altri ex indagati per l'omicidio di Simonetta Cesaroni.
Oltre che quella di Vanacore, la Corte d'Assise aveva programmato per venerdì l'audizione della moglie Giuseppa De Luca e del figlio del portiere, di Salvatore Volponi, datore di lavoro di Simonetta Cesaroni, e del figlio.
Questi ultimi due, infatti, accompagnarono la sorella della vittima, Paola, e il fidanzato Antonello Baroni in via Poma la sera del 7 agosto del '90 per avere notizie di Simonetta.

"Sicuramente era tormentato da questa vicenda. Sicuramente non se l'è sentita di affrontare di nuovo i giudici e i giornalisti, ma aveva qualcos'altro che lo tormentava: troppe ambiguità, troppe stranezze". Così l'avvocato Paolo Loria, difensore di Raniero Busco.

LA VICENDA GIUDIZIARIA DI PIETRO VANACORE



Guarda anche :
Delitto di via Poma, la scheda
La lettera di Simonetta Cesaroni: "Sono nauseata da tutto"
Le ultime immagini di Simonetta Cesaroni
L'infinito giallo romano: da via Poma a Rebibbia
Via Poma, "Raniero Busco è innocente": lo difende la moglie
L'omicidio di Simonetta Cesaroni, al via il processo dopo vent'anni

Leggi tutto