Cgil, il 12 marzo quattro ore di sciopero

1' di lettura

Disagi per i viaggiatori: stop a tram, bus, treni e aerei. I lavoratori del sindacato guidato da Epifani si fermano per chiedere misure anticrisi al governo. Brunetta: “Rispondo migliorando la pubblica amministrazione”

Venerdì 12 marzo sciopero generale di quattro ore proclamato dalla Cgil. I lavoratori aderenti al sindacato incrociano le braccia a sostegno di una riforma fiscale che vada nella direzione di alleggerire il prelievo su lavoratori dipendenti e pensionati. L’organizzazione sindacale guidata da Guglielmo Epifani chiede al governo politiche di contrasto alla crisi economica.

Possibili disagi per chi viaggia. Piloti, assistenti di volo e personale di terra di tutte le compagnie aeree e di aeroporti sciopereranno per quattro ore dalle 10 alle 14. Sempre per quattro ore, dalle 14 alle 18, la protesta nel trasporto ferroviario. Bus, metro, tram e ferrovie si fermeranno per quattro secondo modalità stabilite localmente e nel rispetto delle fasce di garanzia. Allo sciopero della Cgil sono interessati anche navi e traghetti, che ritarderanno di quattro ore le partenza; i camion per tutto l'arco della giornata; i porti e le autostrade per quattro ore per ciascun turno di lavoro; e il personale dell'Anas per l'intera giornata.

“La Cgil sciopera e io rispondo continuando il mio lavoro per migliorare la pubblica amministrazione. Così il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta”. Monitoreremo come sempre abbiamo fatto in occasione dei quattro precedenti scioperi”, ha detto Brunetta. “Noi per legge abbiamo gli unici dati reali sulla partecipazione. Lo sciopero è un diritto di tutti sancito dalla Costituzione e regolato dalla legge. Io sono un amante della Costituzione ma allo sciopero della Cgil rispondo dando servizi e migliorando la pubblica amministrazione, ognuno fa la sua parte".

Guarda anche:
Cgil, 70mila in piazza a Torino. LA FOTOGALLERY
Tremonti alla Cgil: basta proteste vogliamo proposte
Accordo sulla riforma dei contratti, la Cgil dice no

Leggi tutto