Napoli, fuori pericolo il piccolo investito da una moto

1' di lettura

Matias è un bambino di origini peruviani che lo scorso Novembre è stato investito da un motociclista nel capoluogo campano. Rimasto tra la morte e la vita per diverso tempo. Oggi grazie ad un aereo della Fiamme Gialle e sato trasferito a Lecco

Il piccolo Matias, il bambino di 11 anni di origini peruviane investito da una moto pirata a Napoli nel mese di novembre, è stato trasferito dall'ospedale partenopeo Santobono-Pausilipon al centro specializzato nella neuro-riabilitazione dell'infanzia di Bosisio Parini (Lecco), con la collaborazione del Comando regionale Campania della Guardia di Finanza.
 
 Il 30 novembre scorso il bambino è stato investito mentre attraversava con la mamma viale Colli Aminei, dopo aver partecipato a una partita di calcetto. Il piccolo, soccorso presso il CTO e successivamente trasferito presso la Rianimazione dell'ospedale Santobono con un gravissimo trauma cranico encefalico, fu stato sottoposto a diversi interventi da parte dell'equipe dei neurochirurghi dell'ospedale Santobono diretti da G.Cinalli.

Attualmente il piccolo è sveglio e cosciente e riesce ad eseguire ordini quali contare o "dare il cinque"; i movimenti degli arti sono finalizzati anche se incerti. Non è in grado di parlare, ma riesce con la mimica buccale a comporre semplici parole. Alle 10, il bambino è giunto trasportato da un'ambulanza nell'area militare dell'aeroporto di Capodichino, dove lo attendeva un ATR42, aereo messo a disposizione dal comando operativo aeronavale delle Fiamme Gialle con sede a Pratica di Mare (Roma). L'aeromobile è giunto all'aeroporto di Orio al Serio (Bergamo), dove era atteso finanzieri del capoluogo bergamasco e da un'ambulanza che ha condotto il bambino presso il centro di neuro-riabilitazione lecchese. Il dg dell'azienda ospedaliera Santobono-Pausilipon, Anna Maria Minicucci, ringrazia in una nota il comandante regionale Campania Generale di Divisione,  Giuseppe Mango, e tutto il Comando regionale "che si è prodigato poiché il trasporto potesse avvenire in tempi così immediati".

Leggi tutto