Neve al Nord, piogge e vento al Sud. L'inverno non molla

1' di lettura

Nuova ondata di maltempo su tutta l'Italia. Possibili fiocchi fino in pianura sulle regioni nord occidentali, forti temporali al Sud. Allerta neve in Emilia Romagna. La Protezione civile monitora la situazione nel messinese per il rischio di nuove frane

GUARDA LE PREVISIONI SU SKY METEO24

IL MALTEMPO IN ITALIA E EUROPA, L'ALBUM FOTOGRAFICO

L'inverno non sembra quest'anno avere alcuna intenzione di cedere il passo alla primavera. Da oggi, infatti, è in arrivo una nuova ondata di maltempo su tutta la penisola: vento e neve al Nord, pioggia al Sud.

L'Italia - spiega il Dipartimento della Protezione civile - è attraversata da due minimi depressionari, che causano, il primo, aria fredda e precipitazioni in prevalenza nevose sulle regioni nord-occidentali mentre il secondo, di origine africana, marcata instabilità al Sud. Inoltre, l'azione combinata dei due sistemi, genera forti venti, con possibilità di burrasche.

Da domenica mattina, quindi, ci saranno precipitazioni diffuse, anche con forti temporali, sulla Sicilia e sulle regioni meridionali, specie sui settori ionici. I fenomeni potranno essere accompagnati da forti raffiche di vento. Sulle regioni nord-occidentali sono possibili anche nevicate, sino a quote di pianura.

La Protezione Civile dell'Emilia-Romagna ha addirittura diffuso un'allerta neve, attesa dalla serata di oggi a lunedì. Sempre dalle prime ore di domenica si prevedono venti forti o di burrasca che interesseranno la penisola dalla Val Padana alla Sicilia con possibilità di mareggiate. E in vista della perturbazione prevista per domani, nel messinese la Protezione civile sta monitorando con molta attenzione la zona, soprattutto nei territori colpiti recentemente da frane come Caronia e San Fratello, dove il dipartimento ha presidi fissi. La situazione - secondo la protezione civile di Messina - è tuttavia sotto controllo e non ci dovrebbero essere particolari pericoli.

Pericoli, invece, si registrano sul fronte dell'agricoltura. Il persistere del maltempo, con il forte abbassamento della temperatura nuoce, infatti, alle coltivazioni invernali. A rischio sono, in particolare, cavoli, verze, cicorie, carciofi, radicchio e broccoli, ma preoccupano pure gli effetti sugli alberi da frutta che stanno aprendo le gemme (mandorli, albicocchi, susini, ciliegi, peschi). L'ondata di freddo ha fatto crollare di circa il 40% anche la produzione di mimosa, ma la qualità del fiore simbolo della donna quest'anno - assicura la Coldiretti - sarà eccellente.

Leggi tutto
Prossimo articolo