Milano, immigrato accoltellato in via Padova. C'è un fermo

1' di lettura

L’uomo, un 30enne originario del Marocco, è stato rintracciato dalla polizia nei pressi di un pronto soccorso del capoluogo lombardo dove si era recato per farsi curare le ferite riportate in seguito alla lite

Un connazionale del marocchino accoltellato ieri sera in via Padova a Milano, è stato posto in stato di fermo dalla polizia. L'uomo, che ha 30 anni, è stato rintracciato dagli uomini della Squadra Mobile nei pressi di un pronto soccorso del capoluogo lombardo dove il nordafricano, anch'egli ferito, si sarebbe recato in serata.
Il magrebino ferito ieri è stato trovato a terra, tra le auto, dagli agenti di una volante che stava pattugliando la zona, richiamati da un passante che aveva notato il corpo. Poco dopo è giunto anche il 118, che lo ha trasportato in arresto cardiaco all'ospedale. L’aggressione è avvenuto in via Clitumno, angolo con via Padova. A poca distanza da dove, il 13 febbraio scorso, è stato accoltellato e ucciso un egiziano di 19 anni, causando una specie di sommossa della comunità araba nel quartiere, il più multietnico della città.

Guarda anche:
Milano, immigrato accoltellato. Ancora paura in via Padova

Omicidio di via Padova, due nuovi fermi
Milano, ucciso un egiziano. Scoppia la guerriglia urbana
Scontri Milano, Pd: Governo ha fallito, Pdl: tolleranza zero
Scontri Milano, Maroni e Bossi: "no ai rastrellamenti"

LA FOTOGALLERY degli scontri 

Leggi tutto