Treni: al via 4 livelli, banda larga e carrozze del silenzio

1' di lettura

Spariscono la prima e la seconda classe, sostituite da quattro tipi di servizio: si va da un’offerta basic per passeggeri senza esigenze a quella con tutti i comfort. Tante le novità in arrivo per l'alta velocità. Scettiche le associazioni dei consumatori

Addio carrozze di prima e seconda classe. Sui treni ad alta velocità arrivano i livelli. Saranno quattro in tutto: da un’offerta basic per passeggeri "senza particolari esigenze" all'offerta top, "un servizio ai massimi livelli oggi conosciuti al mondo". Lo ha annunciato il numero uno di Ferrovie l'ad Mauro Moretti. Ma le novità non si fermano qui. Grazie a un accordo raggiunto con Telecom migliorerà anche la ricezione dei telefonini. Entro l'anno sarà infatti garantita la copertura della rete di telefonia mobile a bordo dei Frecciarossa, con internet su larga banda mobile e connessioni anche Wi-fi, anche quando viaggiano a trecento chilometri orari e sotto le lunghe gallerie della rete ad alta velocità (Telecom investirà 20 milioni di euro).

E con internet arriveranno a bordo i servizi del "portale di treno", informazione e intrattenimento, dai film on demand alla biglietteria on line, dalle news dell'ultim'ora a programmi tv, musica e videogiochi. Anche questi servizi potranno caratterizzare un’offerta articolata in quattro livelli, con molti altri, per un progetto su cui ancora si lavora e che verrà annunciato solo tra qualche mese.

Ci saranno anche le "carrozze del silenzio", ha anticipato Moretti, come già offrono le Ferrovie di altri Paesi: aree relax, luci basse, divieto assoluto di far suonare i telefonini o chiacchierare. Ferrovie sta già allestendo "nuovi interni per i treni che già ci sono". Ma guarda soprattutto all'esito della gara lanciata per acquistare 50 nuovi treni ad alta velocità. Moretti non si è accontentato degli ultimi modelli sul mercato, ai fornitori ha chiesto di più, "uno sforzo importante di fantasia e ricerca", sottolinea. "Non abbiamo voluto i treni già disponibili perché riteniamo che siano di una generazione già andata". Servono "carrozze con un altissimo comfort ed una flessibilità d'uso degli ambienti" anche per modificarne velocemente la configurazione. Sarà una base per l'articolazione dell'offerta su quattro livelli. Su treni che saranno sempre più veloci: Fs vuole anche "caratteristiche dei carrelli e degli ammortizzatori che su binari da 300 chilometri orari consentano una velocità del 20% superiore", toccando i 360 kmh.

Scettiche le associazioni dei consumatori. "Non osiamo pensare a come viaggeranno i passeggeri del quarto livello", dicono Adusbef e Federconsumatori. Per Movimento Consumatori e Federconsumatori "sarebbe meglio che si facessero funzionare in termini di puntualità, sicurezza e igienicità le attuali due classi. Per il Codacons "a vera rivoluzione sarebbe far arrivare i treni sempre puntuali e puliti".

Il segretario generale Adiconsum Paolo Landi a SKY TG24



Nel 1956 l'abolizione della terza classe

Leggi tutto