Inchiesta G8, tensione tra le Procure di Roma e Firenze

1' di lettura

I magistrati romani accusano quelli fiorentini di aver tenuto un atteggiamento poco collaborativo: in ballo alcune informazioni dell’indagine sulla Protezione civile. Il procuratore capo di Roma, Giovanni Ferrara, smentisce: "Non c'è alcuno scontro"

Uno scambio di informazioni impreciso alla base di alcune incomprensioni tra le procure di Firenze e Roma. Ma in verità siamo lontani da una guerra fra magistrati. In questa storia di presunte accuse tra il Palazzo di Giustizia della Capitale e quello fiorentino si può dire tutto e il contrario di tutto. In ballo c'è lo scambio di notizie su indagini simili fra i capi degli uffici. In questo caso Firenze e Roma avevano un'inchiesta in comune: gli appalti pilotati per il G8. E secondo indiscrezioni di stampa i magistrati romani avrebbero accusato quelli fiorentini di scarsa collaborazione. Accuse subito smentite dal procuratore capo di Roma, Giovanni Ferrara: "Non c'è alcuno scontro".

Guarda anche:
Bertolaso: non ho mai partecipato a festini
Inchiesta G8, pm: indagati volevano fuggire ad Acapulco
Scandalo appalti, gli indagati sapevano delle indagini
Inchiesta G8, gli indagati restano in carcere

Leggi tutto