Omicidio di via Padova, due nuovi fermi

1' di lettura

Due dominicani di 18 e 20 anni sono stati fermati a Milano per l'omicidio di un giovane egiziano accoltellato sabato scorso. In attesa che il gip fissi le date degli interrogatori, si apprende che metà dei fermati per gli scontri sono stati rilasciati


LA PHOTOGALLERY degli scontri 

Ci sono altri due fermati per l'omicidio di Amhed Abdel Aziz El Sayed, l'egiziano di 19 anni assassinato sabato scorso in via Padova a Milano, prima che i suoi connazionali scatenassero le rivolte. A finire in manette due domenicani di 18 e 20 anni. Sale dunque a tre il numero dei presunti assassini dopo il fermo avvenuto giovedì scorso di un altro domenicano di 31 anni, fermato a bordo della sua auto in una zona a sud di Milano. Il gip di Milano, nei prossimi giorni fisserà la data dell'interrogatorio per la convalida del fermo. Interrogatorio, che con ogni probabilità, una volta ricevuta la richiesta dalla procura, sarà effettuato domenica. Intanto, stando a fonti dell’ambiente giudiziario, sono stati scarcerati la metà circa dei giovani nordafricani fermati da Polizia e Carabinieri, per la rivolta di via Padova.


GUARDA ANCHE:

Via Padova, c'è un fermo per l'omicidio di un giovane egiziano
Milano, ucciso un egiziano. Scoppia la guerriglia urbana
Scontri Milano, Pd: Governo ha fallito, Pdl: tolleranza zero
Scontri Milano, Maroni e Bossi: "no ai rastrellamenti"
Da Milano a Roma, viaggio nei quartieri multietnici d'Italia

Leggi tutto