Via Padova, c'è un fermo per l'omicidio del ragazzo egiziano

Il giovane egiziano ucciso sabato 13 febbraio a Milano. Si chiamava Ahmed Abdel Aziz El Sayed
1' di lettura

Gli agenti della squadra mobile di Milano hanno fermato un domenicano di 21 anni per l'uccisione di Ahmed Abdel Aziz El Sayed. Dopo la morte del 19enne era scoppiata una rivolta che ha messo a soqquadro il quartiere per 5 ore

LA PHOTOGALLERY degli scontri 

C'è un primo fermo dopo l'omicidio di Ahmed Abdel Aziz El Sayed, l'egiziano di 19 anni ucciso sabato scorso, in via Padova, durante una lite con un gruppo di stranieri. La circostanza è stata confermata dalla Squadra mobile, che indaga sull'episodio. Dopo l'episodio nella zona era scoppiata una rivolta che ha messo a soqquadro il quartiere per 5 ore. Per quegli scontri la polizia finora ha fermato 10 persone.

Il giovane portato in Questura è un cittadino della Repubblica dominicana, e ha 21 anni. E' stato individuato a Milano, ma in una zona lontana da quella di via Padova. Al momento non è noto se si tratti di uno straniero in regola con il soggiorno e se ruoti o meno nell'ambiente delle gang latine. L'ipotesi accusatoria è di omicidio volontario e lesioni aggravate. Le indagini della Squadra Mobile sono in piena attività e non è escluso che altre persone possano essere fermate nelle prossime ore.

Guarda anche:
Milano, ucciso un egiziano. Scoppia la guerriglia urbana

Leggi tutto