Inchiesta G8, Monica: solo massaggio, non sapevo chi fosse

1' di lettura

"Vedere le stelle? Ho fatto solo un buon massaggio". Parla la donna brasiliana identificata come presunta escort nell'inchiesta sulle grandi opere

Caso Bertolaso, l'inchiesta appalti Grandi Opere
L'intervista a Guido Bertolaso

Nessun bikini, è stato "solo un massaggio in camice bianco" e "non sapevo si trattasse di Bertolaso". Certo, "sono stata brava, per questo avevo detto che lui ha visto le stelle".

A difendersi da Rio De Janeiro, attraverso le parole del suo ex-fidanzato, è Monica, la brasiliana identificata come presunta escort nell'inchiesta sulle grandi opere e che si sarebbe incontrata con Guido Bertolaso al Salaria Sport Village di Roma. Monica, una brasiliana di 35 anni minuta e dai lunghi capelli biondi che ha vissuto nella Capitale per quattro o cinque anni, ha lasciato Roma già nel novembre scorso e fino a ieri era all'oscuro della bufera che si è scatenata su Bertolaso.
Imprenditori, grandi opere, il terremoto dell'Aquila.
Ma anche i presunti favori sessuali al Salaria Sport Village. Una vicenda più grande del suo "semplice lavoro di estetista". Troppo grande.

Il suo ex-fidanzato, Davide Carta, voleva delle spiegazioni e l'ha informata di tutto quel clamore chiamandola al telefono, ma lei è rimasta attonita. "Non so nulla, cado dalle nuvole. Non sapevo di dover massaggiare una persona importante. Sono estranea a questa vicenda, so solo che per un giorno, al Centro Beauty del Salaria Sport Village di Roma ho sostituito una persona, un'altra estetista. Ma si e' trattato solo di un massaggio", spiega la donna.

Monica, che lavorava a un Centro estetico romano, dice di aver fatto massaggi al Salaria Village di Roma una sola volta: è stato quel giorno di dicembre del 2008 nel tardo pomeriggio e doveva andare lì a sostituire un'estetista. Fu pagata 100 euro.

"Mi disse di aver massaggiato due o tre persone - racconta l'ex-fidanzato - ma non sapeva che tra questi ci fosse anche Bertolaso. Dal cellulare di un gestore del Centro, visto che il suo l'aveva lasciato in macchina, mi ha avvisato che si sarebbe fatta accompagnare a casa da qualcun altro. Tornò a casa intorno alla mezzanotte".
La ragazza brasiliana aveva saputo da alcune amiche del Centro estetico romano che c'era la possibilità di sostituire una massaggiatrice al Village e, qualche giorno prima del massaggio, ha incontrato Regina Profeta, consegnandole il suo curriculum e accordandosi per la sostituzione.

"Non ho indossato alcun bikini - ha assicurato Monica al suo ex-fidanzato - ero in camice e pantalone bianco". L'espressione 'ha visto le stelle', riferita a Bertolaso e contenuta nelle intercettazioni, era solo "un modo per dire che avevo fatto un ottimo massaggio, che ero stata brava". Poi c'è quella frase, 'Non fece niente', "riferita al fatto che Bertolaso non è stato maleducato".

E al telefono la vecchia fiamma dell'estetista brasiliana, lo stesso che assunse la ragazza come colf permettendole di avere il permesso di soggiorno in Italia, difende la sua ex: "Monica fa l'estetista e la massaggiatrice, è una persona per bene e non una escort, ci siamo lasciati nel maggio scorso per incompatibilità caratteriale, ha sempre fatto l'estetista sia a Roma che in Brasile. Forse decideraà i tornare in Italia tra cinque o sei mesi".

Leggi anche:

Bertolaso, “nel massaggio ha visto le stelle”. La telefonata
Le intercettazioni telefoniche degli indagati
I quotidiani pubblicano i testi con le telefonate: un giro di cugini, cognati e accordi sottobanco
Per Bertolaso: festa megagalattica

Leggi tutto