Inchiesta G8, gli arrestati restano in carcere

Angelo Balducci, uno dei quattro arrestati nell'ambito dell'inchiesta sulle grandi opere
1' di lettura

Il giudice per le indagini preliminari ha respinto la richiesta d revoca delle misure cautelari presentata dalla difesa di tre dei quattro accusati. E intanto arriva la conferma che la norma che trasforma la Protezione civile in una Spa è stata soppressa

BERTOLASO, L'EROE DEI DUE MONDI: LA FOTOSTORY
G8 ALLA MADDALENA, UN'OCCASIONE PERSA: LE FOTO

Restano in carcere gli arrestati per l'inchiesta sugli appalti per i grandi eventi. Lo ha deciso il gip di Firenze Rosario Lupo, respingendo le richieste di revoca delle misure cautelari in carcere

La richiesta di revoca era stata presentata dalle difese di Angelo Balducci, Diego Anemone e Mauro Della Giovampaola (il quarto arrestato è Fabio De Santis). Intrattenendosi brevemente con i giornalisti il gip Lupo ha spiegato che "permangono tutte le esigenze di custodia cautelare. Resta valida l'ordinanza".

Guarda anche:
Niente Spa per la Protezione civile
Firenze, l'inchiesta sugli appalti si allarga

Leggi tutto