Pedofilia, Bertone: Riconoscere colpe, per nuova rinascita

1' di lettura

Si è aperta in Vaticano la riunione dei vescovi irlandesi convocata dal Papa per affrontare il tema degli abusi sessuali compiuti dai sacerdoti sui minori. Bertone: “Lo Spirito Santo che risuscitò Cristo può risuscitare anche noi"

I vescovi irlandesi sono in Vaticano a colloquio con il pontefice per fare chiarezza sui 300 e più abusi avvenuti su minori negli ultimi 30 anni e perpetrati da uomini di Chiesa. I fatti, accertati in due diverse inchieste giudiziarie.

I vescovi irlandesi hanno già ammesso in diverse occasioni le loro responsabilità nelle vicende, soprattutto sul loro atteggiamento “omertoso”. E anche oggi il responsabile per le Comunicazioni della Conferenza episcopale irlandese Duffy ha detto: “Ammetto con molta franchezza quello che tutti sanno”.

Molto chiaro e diretto il Cardinal Tarcisio Bertone nella sua omelia: “'L'opera di carità di Dio, della sua infinita misericordia, può colmare l'abisso più profondo”, ma questo può succedere ''purché il peccatore riconosca la propria colpa in piena verità”. Ma il Segretario di Stato non si è limitato a chiedere un mea culpa ai vescovi  "Grazie all'umiliazione di Cristo – ha continuato Bertone - lo Spirito Santo che lo risuscitò dai morti può risuscitare anche noi dalla nostra umiliazione e donarci una vita nuova". Concludendo: “Cari e venerati fratelli, umiltà e fiducia: ecco quanto il Signore si aspetta da noi". Insomma il Vaticano vuole fare ammenda, riconoscendo le proprie colpe e le proprie responsabilità in una delle vicende più tristi e squallide che ha mai visto coinvolta la cittadina d’oltre Tevere, nella speranza che il mondo abbia imparato la lezione del perdono.   

 GUARDA ANCHE:

Papa: diritti dei minori violati anche nella Chiesa
Papa: "Rabbia e vergogna per i casi di pedofilia in Irlanda"
Papa: "I preti opedofili allontanano dalla Chiesa"

Leggi tutto