Inchiesta G8, Verdini (Pdl) indagato: sono estraneo

1' di lettura

Denis Verdini, coordinatore del Pdl, è indagato dalla Procura di Firenze per il reato di concorso corruzione. Lo ha reso noto lo stesso Verdini, aggiungendo di aver dimostrato la sua "più totale estraneità all'accusa". Fini: stop a Protezione civile Spa

BERTOLASO, L'EROE DEI DUE MONDI: LA FOTOSTORY
G8 ALLA MADDALENA, UN'OCCASIONE PERSA: LE FOTO


Ancora al centro dell'attenzione la bufera che ha investito i vertici della Protezione civile. Martedì Bertolaso riferisce in commissione alla Camera. Sulla questione Protezione civile Spa interviene il presidente della Camera Gianfranco Fini che annuncia lo stop: La norma sulla privatizzazione sarà stralciata, non farà parte del provvedimento. Soddisfatto il Pd con Franceschini che dichiara: stralcio è vittoria dell'opposizione. Sono 17 gli indagati dell'inchiesta romana sulle presunte irregolarità legate agli appalti per la realizzazione di strutture previste per i cosiddetti "Grandi Eventi. E a Perugia, i pm romani e quelli del capoluogo umbro si incontrano per fare il punto sull'inchiesta.

L'ultimo in ordine di tempo a essere iscritto nel registro degli indagati è il coordinatore nazionale del Pdl, Denis Verdin, che dichiara: sono estraneo ai fatti

"Dopo aver letto che il mio nome compariva per fatti marginali nell'inchiesta condotta dalla Procura di Firenze in merito agli appalti per le opere emergenziali affidate alla gestione della Protezione civile, e dopo aver saputo dai giornali che il mio telefono era stato intercettato indirettamente, per una serie di colloqui con gli indagati, uno dei quali, Riccardo Fusi, è un mio carissimo amico da molti anni, ho chiesto al mio avvocato di verificare i fatti presso la magistratura". Lo comunica il coordinatore nazionale del Pdl, Denis Verdini in una nota.

"In questo modo - spiega Verdini - ho appreso di essere stato iscritto nel registro degli indagati per il reato di corruzione. La vicenda che mi veniva contestata riguardava solo ed esclusivamente la segnalazione per la nomina di Fabio De Santis a Provveditore delle opere pubbliche per Toscana, Umbria e Marche. Ho quindi chiesto e ottenuto la disponibilità del Procuratore della Repubblica di Firenze ad essere ascoltato quanto prima, cosa che è avvenuta questo pomeriggio (lunedì, ndr) di fronte ai pubblici ministeri Giuseppina Mione e Giulio Monferini, titolari dell'inchiesta, ai quali ho fornito serenamente e con la massima trasparenza le informazioni richieste, illustrando le motivazioni del mio intervento come unicamente riconducibili al tentativo di risolvere il problema del danno erariale conseguente all'appalto per la realizzazione della scuola Marescialli e carabinieri a Firenze. Ho quindi dimostrato la mia più totale estraneità all'accusa.

Leggi anche:

Fini: stop a Protezione civile Spa
Firenze, l'inchiesta sugli appalti si allarga
Appalti G8, Bertolaso: basta fango, chi ha sbagliato pagherà
Tangenti, arrestato a Milano consigliere comunale Pdl



Leggi tutto