Bertolaso: sbagliai a fidarmi, ma non merito la berlina

1' di lettura

Il capo della Protezione civile ammette molta fretta e poco controllo. Ma denuncia: sui giornali solo la parte delle intercettazioni che mi demolisce, non quella da cui emerge il mio rigore nei controlli. E da indagato non ho neanche accesso agli atti

Guarda in fondo all'articolo tutti i video sull'inchiesta appalti alla Maddalena

BERTOLASO, L'EROE DEI DUE MONDI: LA FOTOSTORY
G8 ALLA MADDALENA, UN'OCCASIONE PERSA: LE FOTO

"Qualche cosa può essere sfuggito" nei controlli durante i lavori alla Maddalena. Lo dice Guido Bertolaso intervistato da SKY TG24.
Alla Maddalena, spiega Bertolaso, in "dieci mesi abbiamo dovuto fare lavori per cui, in altre situazioni, ci sarebbero voluti dieci anni. E' chiaro che abbiamo dovuto correre e quindi non sono forse stato in grado di controllare puntualmente giorno per giorno tutte quelle che erano le attività che dovevano essere portate avanti poi è arrivato pure il terremoto in Abruzzo".

"In questo contesto -afferma- qualche cosa può essere sfuggito, qualche cosa può anche essere stato fatto male ma credo che il risultato finale sia sotto gli occhi di tutti", una realizzazione che rappresenta "una miniera d'oro" per la Sardegna.

Poi, a proposito delle intercettazioni dice: "Io ho dormito perché sono sereno, ho la coscienza a posto". E continua: "Mi sento un po' avvilito anche per il mio Paese perché l'indagato Bertolaso non può avere accesso a questi documenti, a queste intercettazioni, e leggerle poi sui giornali, e leggere poi evidentemente parte delle intercettazioni, quelle che dipingono Bertolaso e qualcun altro come un personaggio senza scrupoli, senza andare a leggere quelle intercettazioni dalle quali mi sembra di aver capito emergere invece che Bertolaso rappresentava per tutti gli interessati una preoccupazione perché era estremamente rigoroso nel controllo dei conti e dei lavori in corso. Mi sembra francamente anche questo quanto meno la voglia di un'informazione parziale, una voglia in qualche modo di trovare come sempre qualcheduno da individuare come responsabile. Se poi questo responsabile è una persona popolare, una persona visibile, una persona che può dare fastidio in ambito nazionale, evidentemente tutti da questo punto di vista si sono divertiti a inventare e a pubblicare cose che probabilmente spero in futuro riusciremo a chiarire".

Oggi è stato il primo giorno di interrogatori per i quattro arrestati nell'inchiesta che ruota intorno agli appalti delle grandi opere. L'imprenditore Balducci si è detto innocente: LEGGI L'ARTICOLO

Guarda anche
:
"Per Bertolaso una festa megagalattica": l'intercettazione
Quelli che a L'Aquila alle 3.32 non ridevano
Letta: "Bertolaso è una persona straordinaria"
Bertolaso: niente sesso, solo fisioterapia
Bertolaso: sono vittima dell'invidia


Leggi tutto