Riforma della scuola. Gelmini: svolta epocale

1' di lettura

Dal Cdm via libera alla riforma dell'istruzione secondaria superiore. Il riordino che riguarda licei, istituti tecnici e professionali sarà attuato dal prossimo anno scolastico. Berlusconi: riforma necessaria, ragazzi senza preparazione adeguata

Dal Consiglio dei ministri via libera alla riforma dell'istruzione superiore, che nelle scorse settimane ha avuto il via libera prima dal Consiglio di Stato poi dalle competenti commissioni di Camera e Senato.

"Si tratta di una riforma epocale che vede un lavoro molto intenso e l'applicazione di un metodo che mi obbliga a ringraziare tutti coloro che hanno lavorato per la messa a punto del testo. Questa riforma non ha un'impronta ideologica e non è viziata da pregiudizi di sorta" ha dichiarato il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini.

Una riforma "necessaria" sostiene il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, perché il nostro sistema scolastico "non è in linea con i paesi avanzati" e l'attuale assetto non consente "agli studenti di accedere al mondo del lavoro". E aggiunge: "secondo quanto ci dichiarano tutte le imprese e le associazioni, la scuola attuale non sforna ragazzi con cognizioni adeguate alle richieste del mondo del lavoro".
Dal prossimo anno scolastico (2010-2011) la scuola superiore italiana, volta pagina. Si comincerà dalle prime classi (ma nei tecnici e nei professionali le riduzioni di orario saranno attuate anche nelle classi successive alla prima) e le novità coinvolgeranno licei (si supera la legge Gentile del '23), istituti tecnici (in attesa di riforma da 80 anni) e professionali, con un ripensamento dei quadri orari (in linea con l'Ocse secondo cui è statisticamente provato che stare in classe più ore non si traduce necessariamente in un beneficio nell'apprendimento), un irrobustimento di matematica e scienze e un deciso sfoltimento degli indirizzi.

Una delle novità previste interessa in prima persona i maturandi. Secondo la riforma, infatti, si potrebbe essere ammessi agli esami senza avere il 6 in tutte le materie.


Il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini illustra la riforma della scuola. Ecco le novità per il prossimo anno scolastico



Ma quale riforma? "Un taglio epocale", ribatte il segretario del Pd Pier Luigi Bersani.
Su un punto, quindi, tutti d’accordo: l’aggettivo per descrivere la riorganizzazione delle superiori appena approvata questa mattina dal Consiglio dei ministri è "epocale",  ha detto il segretario del Partito democratico.


FUORI CLASSE. Vai allo speciale scuola
Maturità 2010, la Gelmini annuncia le prove su YouTube
Nel 2009 record di bocciati
I bocciati più famosi
Le prove e gli studenti: i volti dei maturandi 2009

Leggi tutto