Donna uccisa davanti alla figlia. Sospetti sul compagno

1' di lettura

Giallo nel viterbese: Marcella Rizzello, 30 anni, è stata trovata morta distesa sul pavimento della camera da letto della sua abitazione con alcune ferite di arma da taglio sull'addome. A scoprire il corpo il compagno della donna

Una donna di 30 anni, Marcella Rizzello, è stata trovata morta, distesa sul pavimento della camera da letto della sua abitazione in una pozza di sangue, con alcune ferite di arma da taglio all'addome. Seduta accanto a lei, la figlia di pochi mesi che piangeva disperatamente. E' accaduto a Civita Castellana, in provincia di Viterbo.

A scoprire il cadavere e a chiamare i soccorsi è stato il compagno della donna, al rientro dal locale in cui lavora come barista per la pausa pranzo. La bambina, sotto choc, è stata assegnata alle cure dei nonni materni, anche loro residenti a Civita Castellana.
Secondo il medico legale che ha eseguito l'ispezione esterna del corpo, la morte risalirebbe al periodo tra le 13 e le 13.30, cioè poco prima che il suo compagno desse l'allarme.
L'uomo ha infatti dichiarato di essere tornato a casa intorno alle 14-14,15, e le chiamate al 118 e al centralino dei carabinieri sono giunte nei minuti successivi. Lo stesso medico non ha escluso che la donna potrebbe essere morta per dissanguamento.

Le ferite di arma da taglio, almeno due, potrebbero non aver lesionato alcun organo vitale, ma le avrebbero causato un sanguinamento massiccio che l'ha uccisa nel giro di pochi minuti. Sarà comunque l'autopsia disposta dal Pm Renzo Petroselli, della procura della Repubblica di Viterbo, a stabilire con esattezza le cause del decesso. "Posso solo dire che si tratta di un omicidio e che la donna è stata colpita con un'arma da taglio. Riteniamo però che non sia stato usato un coltello ma un altro oggetto tagliente" ha dichiarato il Pm all'uscita del sopralluogo eseguito nella villetta.
Alla domanda se fosse stata trovata l'arma dell'omicidio, il magistrato ha risposto "stiamo facendo delle verifiche". Subito dopo si e' recato nella caserma dei carabinieri, dove nel frattempo era arrivato il compagno della vittima per interrogarlo. In precedenza aveva disposto il sequestro dell'auto dell'uomo e della stessa abitazione. Per alcune ore, la villetta è stata passata al setaccio dai carabinieri del Ris. Sarebbero state individuate numerose tracce il cui collegamento con il delitto è però ancora da verificare. In serata, il cadavere della donna è stato trasportato nell'obitorio dell'ospedale cittadino dove, probabilmente domani mattina, sarà eseguita l'autopsia.

IL VIDEO CON LA TESTIMONIANZA DI UN AMICO

Leggi tutto