Mediatrade, Pier Silvio: "E' un attacco a mio padre"

1' di lettura

Il figlio del premier, pure lui indagato, attacca: "Accuse odiose. Emergerà presto l'assoluta estraneità mia, di mio padre e del presidente Fedele Confalonieri"

Dopo la chiusura delle indagini sul caso Mediatrade che oltre a Silvio Berlusconi chiama in causa il figlio Pier Silvio e Fedele Confalonieri il Pdl è compatto nell'affermare come questo sia la dimostrazione dell'esistenza in Italia di una "giustizia a orologeria", pronta a scattare all'approssimarsi di ogni nuova scadenza elettorale. Pier Silvio Berlusconi invece, parla di una volontà di colpire suo padre con qualunque pretesto, dice il figlio del presidente del consiglio: emergerà presto l'assoluta estraneita' mia, di mio padre e di Fedele Confalonieri".

Guarda anche:
Inchiesta diritti tv, indagati Berlusconi e il figlio
Mediatrade, Bersani: spero nella giustizia
Cicchitto: uso politico della giustizia
Alfano: Berlusconi si dedica solo al bene del Paese

Leggi tutto