Mostro Firenze, condannati Giuttari e pm Mignini

Il pm di Perugia Giuliano Mignini
1' di lettura

La pena: un anno e 4 mesi per il magistrato, un anno e 6 mesi per il poliziotto-scrittore. L'accusa: abuso d'ufficio in concorso in un'inchiesta collegata alle indagini perugine legate al mostro di Firenze

Il pm di Perugia Giuliano Mignini e il poliziotto-scrittore Michele Giuttari sono stati condannati dal tribunale di Firenze rispettivamente a un anno e quattro mesi e un anno e sei mesi con l'accusa di abuso d'ufficio in concorso in un'inchiesta collegata alle indagini perugine legate al mostro di Firenze.

Mignini è stato il magistrato titolare a Perugia dell'inchiesta sull'omicidio di Meredith Kercher: la vicenda della studentessa inglese non ha comunque niente a che fare con il processo che si è chiuso oggi.
Michele Giuttari è stato a capo del Gides (gruppo investigativo delitti seriali) che ha condotto con le procure fiorentina e perugina le indagini sul mostro di Firenze.

L'abuso d'ufficio per il quale sono stati condannati riguarda una serie di indagini svolte su giornalisti e funzionari delle forze dell'ordine per, secondo l'accusa, condizionare le loro attività riguardo l'inchiesta perugina sulla morte del medico Francesco Narducci che sarebbe collegata alle vicende del mostro di Firenze.

Guarda anche:
Il mostro di Firenze, una miniserie per non dimenticare
Mostro di Firenze, è morto Mario Vanni

Leggi tutto