Rifiuti tossici, 10 arresti in Lombardia

1' di lettura

L'organizzazione sgominata dai carabinieri faceva capo alla famiglia siciliana di Giuseppe Onorato e operava attorno ad un sito di Fagnano Olona in provincia di Varese

Un'organizzazione specializzata nel traffico illecito di rifiuti pericolosi è stata sgominata in Lombardia dai carabinieri del Gruppo Tutela Ambiente che, dalle prime ore di oggi, sta eseguendo in regione 10 provvedimenti restrittivi, una quarantina di perquisizioni, sequestri di sette aziende, e decine di mezzi, oltre ad aree e impianti di stoccaggio di rifiuti.

Nell'operazione sono impegnati circa 200 militari dell'Arma del Gruppo Tutela dell'Ambiente di Treviso, con il sostegno dei carabinieri dei Comandi provinciali di Varese, Monza, e Milano e del 2/0 Elinucleo di Orio al Serio (Bergamo). Gli ordini di custodia cautelare sono stai emessi dal gip Nicoletta Guerrero, su richiesta del pm Sabrina Ditaranto del tribunale di Busto Arsizio (Varese).

Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, falsità documentale e riciclaggio. A capo dell'organizzazione un campano legato alla famiglia siciliana di Giuseppe Onorato, più volte arrestato (l'ultima nel luglio 2008) per riciclaggio in Lombardia di denaro appartenente a cosche mafiose. Tra gli indagati anche vertici locali di alcuni istituti bancari compiacenti.

L'organizzazione, secondo quanto accertato dai carabinieri, operava attorno ad un sito di Fagnano Olona (Varese), noto come 'La Valle', formalmente adibito a ricovero di mezzi, ma di fatto utilizzato illecitamente come base di stoccaggio e trattamento di rifiuti pericolosi.

Leggi tutto