"Falcone preoccupato da accordo tra mafia e servizi esteri"

1' di lettura

L'ex ministro democristiano Calogero Mannino a SKY TG24: "Temeva un patto che avrebbe provocato in Italia uno scossone, un autentico terremoto"

"Nel settembre 1991 il giudice Falcone, in una conversazione privata che poi si ripeté con l'amico Gargani, mi manifestò la sua grande preoccupazione di una convergenza che temeva tra Cosa Nostra e non dei servizi segreti italiani ma altri servizi segreti, che avrebbe provocato in Italia uno scossone, un autentico terremoto". Così l'ex ministro democristiano Calogero Mannino intervistato da Maria Latella su SKY TG24. Mannino ha riferito di averne parlato con Andreotti, Cossiga e l'allora capo della polizia Parisi: "Da tutti fui ascoltato con prudente preoccupazione".

Guarda anche:
Le stragi di mafia degli anni 90
Spatuzza: "Nel '91 volevamo uccidere Martelli e Falcone"
Spatuzza: "Dell'Utri non era coinvolto nelle stragi"
I misteri d'Italia nei verbali di Ciancimino Jr
Accordi Mafia-Stato, Ciancimino e i suoi distinguo

Leggi tutto