Maltempo, allagamenti a Palermo. Allerta in tutta l'isola

Una foto di Palermo allagata datata il 1 ottobre 2009, giorno del disastro di Messina
1' di lettura

Le piogge battenti stanno causando diversi problemi nel capoluogo siciliano. Automobilisti bloccati in strada, collegamenti con le isole sospesi, linea ferroviaria Trapani-Alcamo interrotta per una frana. GUARDA TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUL METEO

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUL METEO

Piove da stamattina presto a Palermo. Molti gli allagamenti in varie zone della città. Decine le chiamate ricevute dai vigili del fuoco. Specialmente colpita tutta la zona balneare di Mondello, dove la viabilità è molto difficile con diversi centimetri d'acqua in molte strade. Una decina gli automobilisti rimasti bloccati e soccorsi dai vigili del fuoco. Difficoltà anche in due scuole elementari, la 'Rutelli' di via Paruta e quella di Capaci, nei pressi della città, dove gli alunni non sono potuti entrare a causa degli allagamenti formatisi attorno agli edifici scolastici.

Nevica sull'Etna dove a quota 1600 il termometro segna -1 e spira vento a raffiche. Impianti di risalita chiusi, in attesa per la nevicata abbondante che dovrebbe arrivare nella nottata Per tutta la giornata di oggi la Protezione civile ha diramato l'allerta meteo in Sicilia.

E a causa dell’ondata di maltempo che da due giorni ha colpito la Sicilia sono fermi i traghetti che da Trapani raggiungono l'isola di Pantelleria e da Porto Empedocle (Agrigento) le isole di Lampedusa e Linosa. Problemi anche nei collegamenti marittimi tra la Sicilia e le Eolie, soprattutto le più piccole come Panarea e Stromboli che non vengono raggiunte da alcuni giorni.

Sospesa anche la circolazione ferroviaria dalle 4.45 di questa mattina, tra le stazioni Milo e Fulgatore sulla linea Trapani-Alcamo Diramazione (via Milo), per una frana caduta sui binari causata dal maltempo. Trenitalia ha attivato un servizio con autobus sostitutivi.

E una frana sta bloccando dalla notte scorsa la provinciale 157 che collega  Rocca di Caprileone a Longi, in provincia di Messina. Il cedimento di alcuni macigni dalle Rocche del Crasto ha raggiunto la sede stradale da un'altezza di circa 400 metri distruggendo, oltre alla carreggiata, anche i muretti di protezione.
Pochi minuti prima della frana era transitato un autobus, mentre un'auto con due donne a bordo è stata sfiorata  dai massi. Il sindaco ha subito chiuso al transito la strada ed  ha avvisato la Protezione Civile.

Guarda anche
:
Alluvione a Messina: il reportage tre mesi dopo il disastro

Leggi tutto