Mills, aperto e poi sospeso il dibattimento su Berlusconi

1' di lettura

I giudici hanno ritenuto utilizzabili gli atti formatisi nel corso del processo e il capo di imputazione, ma hanno rinviato l'udienza al 27 febbraio, in attesa che la Cassazione si pronunci sulla condanna del legale inglese

È stato rinviato al prossimo 27 febbraio il processo a Silvio Berlusconi accusato di aver corrotto il testimone David Mills. I giudici nell'ordinanza spiegano di aver ritenuto "opportuno" su richiesta della difesa di rinviare a dopo il 25 febbraio quando la Cassazione si esprimerà sul processo-fratello all'avvocato inglese Mills. La decisione dei giudici di rinviare il processo "è condivisibile e consentirà di riavviare il procedimento con maggiore elementi e più cognizione di causa". Lo ha dichiarato, al termine dell'udienza di oggi, Niccolò Ghedini, difensore del presidente del Consiglio.

Guarda anche:
Processo Mills, "atti inutilizzabili"
Sentenza Mills, le motivazioni: corrotto dopo testimonianza
Mills, confermato condanna a 4 anni e 6 mesi di reclusione
Lodo, Mills a SKY TG24: "In Italia succede di tutto"
Mills condannato in primo grado a 4 anni e 6 mesi
Mills corrotto dal premier. Berlusconi: sentenza scandalosa

Leggi tutto