Rosarno, la quiete dopo la tempesta

1' di lettura

E' proseguita, fino a ieri sera, la guerriglia tra immigrati e abitanti del comune reggino. Feriti 19 extracomunitari e 18 agenti. 350 stranieri sono stati trasferiti nella notte al centro di prima accoglienza di Crotone. GUARDA LA FOTOGALLERY

Rosarno si è risvegliata tranquillamente dopo i due giorni di protesta da parte di un centinaio di immigrati, degenerata in guerriglia con gli abitanti del comune reggino. Innescata da una sparatoria contro alcuni extracomunitari, la reazione si è conclusa con il ferimento di diciannove immigrati, di cui due gambizzati con fucili a pallini, e diciotto agenti. La situazione è rientrata dopo il trasferimento di 350 immigrati presso il centro di prima accoglienza di Crotone, avvenuto, prima della mezzanotte, tra l'applauso corale dei rosarnesi.

Guarda anche:
Rosarno, l'inferno della baraccopoli "nera"
Rosarno, Maroni: troppa tolleranza con i clandestini. L'opposizione attacca
Saviano a SKY TG24: gli immigrati difendono anche i nostri diritti
Rosarno, extracomunitari in rivolta: LE FOTO
Tutti gli aggiornamenti su Rosarno

Leggi tutto