Casa studente L'Aquila, periti: "Mancava un pilastro"

1' di lettura

I consulenti nominati dalla procura abruzzese hanno dichiarato che il crollo della struttura, a seguito del sisma del 6 aprile, è avvenuto solo per un errore umano. Soddisfatti i familiari delle otto vittime, che da mesi chiedono giustizia

Terremoto in Abruzzo. VAI ALLO SPECIALE
L'Aquila prima e dopo il sisma: guarda tutte le foto
 

Soddisfazione per i familiari delle otto vittime della Casa dello studente, crollata a L'Aquila a seguito del sisma del 6 aprile 2009. Le risposte che cercavano sono, infatti, arrivate dalla relazione dei periti nominati dalla procura del capoluogo abruzzese. I consulenti Francesco Benedettini e Antonello Salvatori hanno dichiarato che "l'ala Nord dell'edificio è collassata perchè mancava un pilastro; gli altri punti della struttura hanno retto proprio perchè c'erano tutti". Logica la conclusione: se fosse stata edificata correttamente, la palazzina non sarebbe crollata. Per la procura del capoluogo abruzzese, che due settimane fa ha chiuso le indagini, ci sono dunque prove a sufficienza. Quindici gli indagati, che dovranno rispondere di omicidio colposo, disastro colposo e lesioni.

Guarda anche:

Abruzzo ieri e oggi: l'album fotografico
Bertolaso: L'Aquila è il più grande cantiere d'Italia
Terremoto in Abruzzo: "Dove passeremo l'inverno?"
Vai allo Speciale Terremoto in Abruzzo
Abruzzo, in 5 mesi dalle tendopoli alle prime case di legno

Leggi tutto