Maltempo, il web si ribella ai ritardi dei treni

Milano - La stazione centrale coperta dalla neve
1' di lettura

Blog e social-network ricordano come nei paesi scandinavi si viaggi anche con temperature decisamente più rigide. Altroconsumo: "il nuovo regolamento comunitario prevede precisi obblighi di informazione e di assistenza"


L'ITALIA E L'EUROPA SOTTO LA NEVE. L'ALBUM FOTOGRAFICO


Una piccola rivolta: astiosa, piccata e a volte anche ironica.
A blog e social network non è piaciuto affatto l’invito dell’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, che ieri ha consigliato ai migliaia di viaggiatori (i treni procedono ancora con ritardo in molte parti d’Italia) di procurarsi “un maglione in più, panini e acqua”.
Qualcuno, così, ha pensato di rispondere con le foto. Sul suo blog, Francesco ha deciso di pubblicarne una con una significativa didascalia: “Treni e neve a Milano, anche dentro ai vagoni!”.
Su Twitter, un viaggiatore scrive “sono sul treno dell'incertezza....l'unica cosa sicura è che mi sta finendo la batteria....”. Qualcun altro, invece, è stato decisamente più sfortunato: “Che ansia! Restare in mezzo ad una stazione col ghiaccio! Le porte del treno sono bloccate e hanno cancellato tutti i treni!!”.
I blogger contestano anche il paragone con gli altri paesi (in un'intervista a Sky Tg24, Moretti ha infatti ricordato i numerosi disagi che i viaggiatori stanno subendo nel Nord Europa). Qualcuno, così, ricorda la situazione in Finlandia, “dove i treni hanno problemi dovuti alle basse temperature in media solo per 3-5 giorni all'anno” e dove secondo l’ufficio stampa delle ferrovie finlandesi, “il 30% dei treni, in questi 3-5 giorni, accumula dei ritardi di circa cinque minuti”.
E se i viaggiatori hanno ricevuto la solidarietà del ministro dei trasporti Altero Matteoli (“dire ai passeggeri ‘arrangiatevi’ da soli è ‘inaccettabile’ e ‘non condivisibile’), in un comunicato, Altroconsumo ha ricordato che “il nuovo regolamento comunitario entrato in vigore il 13 dicembre scorso prevede precisi obblighi di informazione (sugli orari previsti di partenza e di arrivo) e di assistenza gratuita” che – ha chiarito l’associazione in difesa dei consumatori – “deve avvenire sia in stazione sia durante il viaggio, in caso di ritardi superiori ai 60 minuti: pasti e bevande, albergo e trasporto dalla stazione all'albergo, se necessario, oppure trasporti alternativi, anche in caso di blocco del treno sui binari”.

Guarda anche:
Tutti gli aggiornamenti su SKY METEO24

La situazione su strade e autostrade
Genova blocco delle auto private fino alle 10
La neve anche sul Vesuvio. Guarda le immagini


I FENOMENI NATURALI. L'ALBUM FOTOGRAFICO 

Leggi tutto