Asiago: tragedia familiare nel vicentino

1' di lettura

Un uomo ha sparato alla moglie e al figlio 15enne prima di rivolgere l'arma contro se stesso. I corpi trovati all'interno di una vettura poco lontana dalle pista da sci dell'altopiano veneto

Ha ucciso il figlio di 15 anni e la moglie, poi un finanziere non in servizio e malato da tempo si sarebbe sparato: questa l'ipotesi al momento ritenuta più attendibile dai carabinieri per spiegare la tragedia avvenuta a Montemulo, vicino a Gallio, nel vicentino.

L'ex finanziere, Sergio Colella, residente ad Asiago, avrebbe convinto nel tardo pomeriggio di ieri la moglie e il figlio ad andare con lui fino al parcheggio che si trova poco lontano dalle piste da sci da fondo. Qui, una volta fermata la vettura, avrebbe esploso alcuni colpi d'arma da fuoco contro la moglie, che era alla guida, e il figlio Alessandro, che era seduto accanto alla madre. Poi, avrebbe rivolto l'arma contro di lui uccidendosi. La vettura, un'Opel Meriva, è stata notata nella tarda mattinata da alcune persone e una di queste si era avvicinata incuriosita dal fatto che un finestrino era rotto. Una volta notati i corpi all'interno, e' stato dato l'allarme e sul posto sono intervenuti i carabinieri. Poco dopo è giunto anche il Pm e il comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Antonio Morelli.

Leggi tutto