Tartaglia, testimoni: l'avevamo segnalato a un agente

1' di lettura

Due ragazzi che erano in Duomo a Milano per il comizio di Berlusconi raccontano a Striscia la Notizia che l'aggressore del premier aveva detto loro: "Lo sto aspettando". La risposta degli agenti a cui hanno riferito la cosa: chiamate il 113

BERLUSCONI AGGREDITO, L'ALBUM FOTOGRAFICO

Due ragazzi che erano in Duomo a Milano per il comizio di Silvio Berlusconi raccontano a Striscia la Notizia che avevano identificato l'aggressore del premier prima del gesto folle. "Stavamo vicino al gazebo del Pdl - raccontano i testimoni - quando Tartaglia ci si è avvicinato iniziando a insultare il premier e dicendoci: lo sto aspettando, in tono minaccioso". Immediatamente i giovani erano andati a segnalare la cosa agli agenti, che però avevano risposto: chiamate il 113.

Guarda anche:
Berlusconi resta in ospedale: si nutre a fatica
Napolitano: basta esasperazione pericolosa della polemica
Il papà di Massimo Tartaglia a SKY TG24: "Non so cosa sia scattato"
Berlusconi e Tartaglia: su Facebook senza freni
Massimo Tartaglia: chi è l'uomo che ha colpito il premier
Comizio, cori, aggressione: cronaca 2.0 della giornata con le immagini dal web
Berlusconi aggredito, le reazioni politiche del giorno dopo

Il comizio di Silvio Berlusconi TUTTO L'INTERVENTO IN VIDEO

Leggi tutto