Berlusconi resta in ospedale. "Si nutre a fatica"

1' di lettura

Lo ha detto il primario del San Raffaele, dove il presidente del Consiglio è ricoverato. Venti i giorni di prognosi. Fratturati i denti e il naso. Nel bollettino si parla di "parametri vitali nella norma", ma di "abbassamento dei valori dell'ematocrito"

BERLUSCONI AGGREDITO, L'ALBUM FOTOGRAFICO

Il presidente del Consiglio rimarrà ricoverato nell'ospedale San Raffaele di Milano. Almeno fino a mercoledì. "Riesce a nutrirsi con molta fatica", ha detto Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele di Milano. Nel bollettino medico si parla di "parametri vitali nella norma", ma di "abbassamento dei valori dell'ematocrito", in seguito al sangue perso dal premier, colpito al volto con un oggetto.

In serata, intervenuto a Porta a Porta, il dottor Zangrillo ha aggiunto: "Mercoledì è la data prevedibile delle dimissioni dall'istituto". "Io gli avrei imposto almeno una decina di giorni" ha aggiunto, spiegando che il Cavaliere "è più sereno di stamattina", ma "merita un attento monitoraggio" perché è stato colpito in "strutture molto innervate e vascolarizzate" che "determinano dolore".


Guarda anche:
Il papà di Massimo Tartaglia a SKY TG24: "Non so cosa sia scattato"

Berlusconi e Tartaglia: su Facebook senza freni
Massimo Tartaglia: chi è l'uomo che ha colpito il premier
Comizio, cori, aggressione: cronaca 2.0 della giornata con le immagini dal web
Berlusconi aggredito, le reazioni politiche del giorno dopo

Il comizio di Silvio Berlusconi TUTTO L'INTERVENTO IN VIDEO

Leggi tutto