Arrestato Massimo Tartaglia, l'uomo che ha ferito Berlusconi

Massimo Tartaglia fermato subito dopo aver colpito il premier
1' di lettura

Ha 42 anni e non è legato a gruppi che potrebbero far pensare a un'aggressione organizzata. In cura da 10 anni per problemi mentali, dopo l'interrogatorio in questura del procuratore antiterrorismo Armando Spataro, è stato arrestato per lesioni aggravate

BERLUSCONI AGGREDITO, L'ALBUM FOTOGRAFICO


Si chiama Massimo Tartaglia ed ha 42 anni l'uomo che ha ferito il premier Silvio Berlusconi dopo il comizio in piazza Duomo, colpendolo proprio con un souvenir che rappresenta il monumento simbolo di Milano.
L'uomo è stato immediatamente bloccato e portato via dalla polizia, che lo ha sottratto alla rabbia della gente. Secondo alcune testimonianze, mentre veniva portato via avrebbe detto: "Non sono io. Io non sono nessuno".

Ai primi tempestivi controlli è risultato che nei confronti di Tartaglia gli investigatori non hanno alcuna segnalazione che possa farlo ritenere vicino a gruppi organizzati o dell'estremismo. A suo carico solo il ritiro della patente per motivi di viabilità. Di fatto è un completo sconosciuto alla Digos, che ha immediatamente interrogato l'uomo per capire cosa lo abbia spinto a colpire Berlusconi. Secondo quanto risulta in Questura, Massimo Tartaglia non sarebbe legato a nessuna organizzazione antagonista conosciuta.
La dinamica dei fatti, peraltro, agli investigatori appare al momento più vicina ad un gesto isolato che ad un tentativo di aggressione organizzato.

L'ipotesi, al momento ritenuta più attendibile, è quella del gesto di uno sconsiderato. In effetti, è giunta conferma che l'uomo è in cura da 10 anni per problemi mentali al Policlinico di Milano e la sua psicologa lo ha raggiunto in questura.
In serata è stata anche perquisita la sua abitazione a Cesano Boscone. L'uomo lavora nell'azienda grafica del padre.
Quando è stato bloccato, aveva in tasca oltre ad altri due souvenir e un piccolo crocifisso anche una bomboletta di spray urticante al peperoncino.
Il particolare è emerso in Questura, dove tutto il materiale è stato portato ed è attualmente sotto sequestro. La presenza dello spray e degli altri oggetti è costata a Tartaglia anche l'aggravante della premeditazione per l'accusa di lesioni aggravate. Tartaglia, dopo l'interrgoatorio del procuratore antiterrorismo Armando Spataro, è stato dichiarato in arresto.

Guarda anche:
Il papà di Tartaglia: Votiamo Pd, ma nessun odio
Berlusconi colpito subito dopo il comizio
Aggressione al premier: le reazioni e la solidarietà
La sequenza dell'aggressione: la fotogallery
La notizia fa il giro del mondo: ecco le pagine della stampa internazionale
Il comizio di Silvio Berlusconi TUTTO L'INTERVENTO

Leggi tutto