Amanda Knox dal carcere: "Da libera resterei in Italia"

1' di lettura

Il presidente della fondazione Italia-Usa, Rocco Girlanda, ha visitato in prigione la giovane di Seattle condannata a 26 anni per l'omicidio di Meredith Kercher. L'onorevole la descrive come una persona fiduciosa nella giustizia

Meredith: L'ALBUM FOTOGRAFICO

"Quando tutto sarà finito voglio andare dalla mia famiglia che mi manca tanto, ma poi voglio tornare in Italia perché qui sono stata bene": Amanda Knox, condannata a 26 anni di reclusione per l'omicidio di Meredith Kercher, lo ha detto incontrando stamani nel carcere di Perugia una delegazione della fondazione Italia Usa. Presenti alla visita il presidente dell'organismo l'on. Rocco Girlanda e Katia Polidori. "Sono stata bene in Italia - ha sottolineato la Knox - è quindi voglio tornare prima però voglio rimanere con la mia famiglia che mi manca tanto".

Ripercorri le tappe del processo di Perugia




Guarda anche:
Meredith, Frattini: "Nessun contatto con gli Stati Uniti"
I genitori di Amanda a SKY TG24: "La tireremo fuori dal carcere"
Il padre di Raffele: una batosta terribile
La famiglia di Meredith: siamo soddisfatti dal verdetto

Omicidio Meredith, Hillary Clinton: incontrerò chi ha dubbi
Le tappe del caso Meredith Kercher

Leggi tutto