La difesa di Stasi: Alberto a casa mentre Chiara moriva

1' di lettura

I legali del giovane accusato dell'omicidio della ex fidanzata puntano a smontare la tesi dell'accusa: "Il quadro accusatorio non regge". Giovedì 17 dicembre la sentenza

In corso nel tribunale di Vigevano, nel processo per l'omicidio di Garlasco, la nuova arringa dei legali di Alberto Stasi. I difensori del giovane puntano a smontare la tesi dell'accusa, contestando in particolare l'ora del delitto di Chiara Poggim, uccisa nella sua villetta di Garlasco nell'agosto del 2007. Nella sua requisitoria, il Pm aveva chiesto 30 anni di carcere per Stasi. La sentenza è prevista per giovedì prossimo.

Guarda anche:
Garlasco, verità e bugie sui 9 minuti per uccidere Chiara
Delitto di Garlasco, la perizia medico-legale scagiona Alberto Stasi. La fotogallery 

Leggi tutto
Prossimo articolo