Mafia, Sco: andiamo avanti senza temere ritorsioni

1' di lettura

Gilberto Caldarozzi, direttore del Servizio centrale operativo della polizia di Stato, tratteggia la figura del superlatitante Giovanni Nicchi, arrestato oggi a Palermo. "Un personaggio di assoluto spessore nella Sicilia occidentale"

Gilberto Caldarozzi, direttore del Servizio centrale operativo della polizia di Stato, tratteggia la figura del superlatitante Giovanni Nicchi, arrestato oggi a Palermo. "Un personaggio di assoluto spessore per Cosa Nostra nella Sicilia occidentale". Ricercato dal 2006, Nicchi era uno dei 30 latitanti più pericolosi ed ora ci sarà necessariamente un vuoto di potere. Caldarozzi però precisa: "Andiamo avanti, non temiamo ritorsioni".

Guarda anche:

Doppio colpo alla Mafia, in manette due superlatitanti
Il commento di Silvio Berlusconi agli arresti
Il direttore del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato: il ritratto di Nicchi
Il capo della squadra mobile di Milano: Fidanzati era ricercato da sei mesi
Mafia, Spatuzza: "Sapevo chi ci doveva aiutare: Dell'Utri e Berlusconi
Procuratore Palermo: "Stroncata la carriera di Nicchi"

 

 

Leggi tutto