Processo Meredith: tutte le tappe

Amanda Knox viene scortata in aula per l'ultimo giorno del dibattimento
1' di lettura

Dal 16 gennaio, primo giorno delle udienze, fino alla camera di consiglio: tutti i momenti chiave del processo di Perugia

MEREDITH, L'ALBUM FOTOGRAFICO

Il 16 gennaio cominciano le udienze. La Corte d'assise di Perugia decide di celebrare il dibattimento a porte aperte ma senza riprese audio-video.

Il 6 febbraio i primi testi d'accusa ricostruiscono per le prime fasi dell'indagine.

Il 7 febbraio depone Filomena Romanelli, coinquilina di Kercher e Knox. "There is something strange" c' e' qualcosa di strano, sono le parole che le disse l'americana la mattina del 2 novembre del 2007.

Il 13 febbario Amanda Knox chiede di parlare: "Sono innocente e ho fiducia che tutto si sistemera"'. Poi depongono le amiche inglesi di Meredith.

Il 14 febbraio Amanda si presenta in aula con una maglietta bianca con la scirtta "All you need is love".

Il 27 febbraio testimoniano gli investigatori della squadra mobile di Perugia. "Elementi oggettivi", come la scena del crimine, le "contraddizioni" tra gli imputati portarono a Sollecito e alla Knox.

Il 28 febbraio Knox e Sollecito accusano la polizia per quanto avvenuto la notte del loro fermo alla questura di Perugia: "sono stati duri con noi". I funzionari della mobile replicano: "trattati con massima cortesia e fermezza".

Il 16 marzo una delle interpreti della polizia riferisce che la giovane nei mesi successivi all'arresto ha scritto e ricevuto dal carcere oltre 600 lettere.

Il 20 marzo gli investigatori riferiscono che la notte del delitto i cellulari dei due imputati rimasero inattivi.

Il 27 marzo Nara Capezzali parla di un grido di donna, prolungato e straziante, "da fare accapponare la pelle" proveniente dalla casa del delitto.

Il 28 marzo testimonia il clochard Antonio Curatolo che noto' Sollecito e la Knox la notte dell'omicidio in piazza Grimana.

Il 3 aprile depone il medico legale Luca Lalli e in aula vengono proposte a porte chiuse le immagini dell'autopsia. Poi prende la parola Patrick Lumumba: "Amanda mi abbraccio' e disse 'sei una brava persona".

Il 4 aprile e' in aula Rudy Guede che si avvale della facolta' di non rispondere.

Il 18 aprile la Corte d'assise compie un sopralluogo nella casa del delitto.

Il 23 aprile la Corte dissequestra l'abitazione di via della Pergola. L'allora responsabile della polizia scientifica Alberto Intini esclude la possibilita' di una contaminazione della scena del delitto.

L'8 maggio udienza dedicata agli accertamenti della polizia scientifica che riferisce: nella casa del delitto trovate 61 impronte 'utili'.

Il 22 e il 23 maggio depone la biologa della scientifica Patrizia Stefanoni. E' battaglia con le difese sulle 460 tracce analizzate, in particolare sul Dna.

Il 29 maggio si concludono le deposizioni dei testi d'accusa anche se il 5 giugno viene risentito il medico legale Luca Lalli.

Il 6 giugno sono in aula i familiari di Meredith. "La cerco ancora..." dice la madre Arline.

Il 12 e il 13 giugno e' il giorno dell'interrogatorio di Amanda Knox che nega di essere stata nella casa di via della Pergola quando Merdith venne uccisa.

Il 19 giugno testimoniano Francesco Sollecito, il padre di Raffaele, ed Edda Mellas, la madre di Amanda Knox.

Il 20 giugno uno dei consulenti della difesa Sollecito dice: Mez uccisa da un solo aggressore con un solo coltello.

Il 9 ottobre la Corte respinge la richiesta delle difese di svolgere una nuova perizia sul Dna.

Il 21 novembre i pm Giuliano Mignini e Manuela Comodi chiedono la condanna all'ergastolo con isolamento diurno di Sollecito e della Knox.

Il 27 novembre parlano le parti civili. Per il legale della famiglia della vittima, il dibattimento e' stato tale da permettere alla Corte di condannare i due imputati. Per il legale di Patrick Lumumba "poche parole di Amanda lo hanno distrutto".

Il 28 e il 30 novembre arringa dei difensori di Sollecito, Giulia Bongiorno e Luca Maori. "L'unico colpevole e' Guede, assolvete Raffaele", chiedono.

Il primo e il 2 dicembre parlano i difensori della Knox Carlo Dalla Vedova e Luciano Ghirga: "lei non era nella camera del delitto e va assolta".

Oggi, 4 dicembre, alle 10,45 circa la corte e' entrata in camera di consiglio per la sentenza.



Leggi tutto