Crac Parmalat, Tanzi: "L'azienda poteva essere salvata"

1' di lettura

Per la prima volta ha parlato in aula a Parma, nel processo per bancarotta fraudolenta, l'ex patron dell'azienda emiliana: "Finanziavamo tutti i politici". Ha poi puntato il dito contro le banche

Nel processo Parmalat in corso ha parlato per la prima volta l'ex patron dell'azienda di Collecchio, attribuendo la falsificazione del bilancio all'allora direttore finanzairio Fausto Tonna: "La parte finanziaria del Gruppo non l'ho mai seguita di persona; si può dire che non la conoscevo". Ha quindi formulato il suo j'accuse alle banche, ritenendole causa principale del crac in quanto sarebbero state a conoscenza della situazione fin dal 1990. Dito puntato, infine, anche contro i politici: "Finanziavamo tutti i partiti".

Leggi tutto
Prossimo articolo