Processo Corona, la parola alla difesa

1' di lettura

In giornata potrebbe arrivare anche la sentenza. Il pm Di Maio ha già chiesto sette anni e due mesi di reclusione per i presunti "fotoricatti" ai vip. Una richiesta di pena che l'accusato aveva definito "vergognosa"

Nuova udienza a Milano per il processo che vede imputato Fabrizio Corona per i presunti "fotoricatti" ad alcuni vip. Il pm Di Maio ha già chiesto sette anni e due mesi di reclusione. Secondo l'accusa Corona avrebbe compiuto "estorsioni simili a quelle di tipo mafioso", sfruttando il "timore fondato dei vip". Una richiesta di pena che Corona aveva definito "vergognosa". Oggi la parola alla difesa dell'agente fotografico, con l'avvocato Giuseppe Lucibello. In giornata potrebbe arrivare anche la sentenza.

Leggi tutto
Prossimo articolo