Sì alla cremazione, purché le ceneri non siano disperse

1' di lettura

I vescovi italiani riuniti ad Assisi approvano il nuovo rito delle esequie. Le ceneri del defunto andranno conservate in un luogo consacrato

I vescovi italiani riunitisi per la Conferenza episcopale italiana hanno approvato il testo del nuovo rito dei funerali, che riconosce la possibilità della cremazione. Il sì era già stato stabilito dal Codice di diritto canonico. I vescovi consigliano però di conservare le ceneri in un luogo consacrato dopo il rito e ammettono che le stesse ceneri possano essere poi inumate. Un'altra possibilità per i resti del defunto dopo la cremazione è quella di versare le ceneri stesse in un apposito spazio del cimitero, cioè in terra benedetta, recitando le parole "Polvere sei e polvere ritornerai".

Leggi tutto
Prossimo articolo