Cucchi, primi indagati. I legali chiedono riesumazione

1' di lettura

La Procura della Repubblica di Roma ha inviato i primi avvisi di garanzia sul caso del 31enne morto dopo l'arresto per droga. L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è l'omicidio preterintenzionale

Riesumare la salma di Stefano Cucchi per fare chiarezza sulle cause della sua morte. L'istanza sarà presentata dai legali dei familiari del 31enne morto il 22 ottobre scorso dopo essere stato arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti. In procura il fascicolo Cucchi cresce. Iscritti nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio preterintenzionale quanti hanno avuto contatti con lui dal momento dell'arresto fino al ricovero in ospedale. Indagini a 360 gradi, gli accertamenti disposti, riguardano carabinieri, agenti della polizia penitenziaria e detenuti.

Leggi tutto
Prossimo articolo