Giovanardi: "Cucchi drogato, morto perché anoressico"

1' di lettura

Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri a Radio 24. "Era in carcere perché era uno spacciatore abituale. E' morto soprattutto perché era 42 chili". La sorella di Stefano: "Si commenta da solo"

"Stefano Cucchi era in carcere perché era uno spacciatore abituale. Poveretto è morto - e la verità verrà fuori - soprattutto perché era 42 chili". Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del ministri Carlo Giovanardi, intervenuto alla trasmissione "24 Mattino" su Radio 24 sull'argomento droga.

Parlando di Cucchi, Giovanardi ha continuato:  "La droga ha devastato la sua vita, era anoressico, tossicodipendente, poi il fatto che in cinque giorni sia peggiorato, certo bisogna vedere come i medici l'hanno curato. Ma sono migliaia le persone che si  riducono in situazioni drammatiche per la droga, diventano larve, diventano zombie: è la droga che li riduce cosi'".

"A Giovanardi che fa queste dichiarazioni a titolo gratuito, rispondo semplicemente che il fatto che Stefano avesse problemi di droga, noi non l'abbiamo mai negato, ma questo non giustifica il modo in cui e' morto". Cosi' ai microfoni di CNR media, Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, replica alle affermazioni del sottosegretario Carlo Giovanardi.
Poi conclude: "Non voglio aggiungere altro, la cosa che ha detto si commenta da sola".


Guarda anche:
Cucchi, nuovo appello dei familiari per la verità
Cucchi, scontri al corteo. La famiglia si dissocia
Caso Cucchi, gli utenti di Facebook scrivono a Napolitano
Stefano Cucchi, una arresto e 8 giorni per morire

Caso Cucchi, le foto choc
Cucchi, le ultime foto da vivo

Leggi tutto