Caso Marrazzo, forse nuove accuse per carabinieri

1' di lettura

L'inchiesta della Procura di Roma si allarga ad una serie di rapine messe a segno la scorsa estate in alcune ville della Capitale. A compierle una banda di romeni che, secondo i magistrati, sarebbe stata coperta proprio dagli arrestati

Forse non solo concussioni, tentativi di ricettazione e ricatti, dietro la divisa. I magistrati che indagano sull'"affaire Marrazzo", continuano a raccogliere elementi che fanno pensare ad un ventaglio di attività più vasto. La Procura indaga sulle rapine messe a segno in alcune ville sulla Cassia, da una banda di romeni. L'ipotesi è che i militari avessero un ruolo di copertura. Intanto il Ros acquisisce testimonianze di trans, che avrebbero riconosciuto alcuni dei carabinieri, come gli autori di rapine ai loro danni.

Leggi tutto
Prossimo articolo