Marrazzo ai pm: Nessun ricatto, soldi erano per la coca

1' di lettura

Interrogato due ore dai magistrati. "Mai stato ricattato. Quella di via Gradoli fu una rapina". Accompagnato in procura dalla moglie e dal legale, l'ex governatore della regione Lazio non ha lasciato dichiarazioni ai giornalisti

Piero Marrazzo è stato interrogato ieri pomeriggio come persona informata dei fatti dai Pm di Roma che indagano sul presunto ricatto all'ex governatore. Marrazzo ha ammesso che i soldi, nei suoi incontri, servivano anche per il consumo di cocaina. Ma ha insistito nel dire di non essere mai stato ricattato per il video che lo riprendeva con un trans. L'ex governatore, accompagnato dalla moglie Roberta Serdoz e dal suo legale, dopo la deposizione non ha voluto rilasciare dichiarazioni ai giornalisti e si è allontanato coprendosi il volto.

Guarda anche:
Caso Marrazzo, spunta un filmato di 13 minuti
Caso Marrazzo, Gasparri a il Giornale: vogliono solo infangarmi

"Troppa sofferenza, basta con la politica". Le dimissioni di Marrazzo
Caso Marazzo, fugge da Roma. Il pm: nessuna indagine su di lui
Caso Marrazzo, Signorini: "Non ho voluto quel video"

Caso Marrazzo, giallo su un secondo video
Marrazzo: "Ho sbagliato, dovevo denunciare, ma la paura..."

Caso Marrazzo, il trans Brenda: "Mai stata con lui". LE FOTO

Leggi tutto