Caso Cucchi, familiari accusano: ospedale responsabile

1' di lettura

Sono concordi genitori e legale nel puntare il dito contro il Pertini per la morte di Stefano, il 31enne romano morto in circostanze ancora da chiarire dopo essere stato arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti

Sulla morte di Stefano Cucchi, il 31enne romano morto in circostanze ancora da chiarire dopo essere stato arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti, è intervenuto il legale della famiglia Fabio Anselmo. L'avvocato non ha nascosto una certa rabbia per la ricostruzione degli accadimenti fatta in ambienti ospedalieri, su cui ha puntato il dito: "Credo che le maggiori responsabilità della morte di Stefano Cucchi siano dell'ospedale Sandro Pertini. Dicono che Stefano rifiutava il cibo e le bevande; mi chiedo come sia possibile che non sia stato intubato". Domani pomeriggio verranno sentiti i genitori del giovane nell'ufficio del pubblico ministero Vincenzo Barba. Nel frattempo, però, è giunta la secca smentita di Antonio D'Urso, direttore sanitario del Pertini, ribadendo che era Stefano a non voler collaborare alle cure.


Guarda anche:
Stefano Cucchi, gli utenti di Facebook scrivono a Napolitano
Il padre di Stefano: lo Stato deve rispondermi
Stefano Cucchi, una arresto e 8 giorni per morire
Caso Cucchi, le foto choc

Leggi tutto