Caso Cucchi, il guardasigilli riferirà martedì in Senato

1' di lettura

Il 3 novembre il ministro della Giustizia Angelino Alfano parlerà in aula a Palazzo Madama su gli ultimi giorni del trentenne romano, morto in circostanze da chiarire dopo essere stato arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti

Il ministro della Giustizia Angelino Alfano riferirà, martedì prossimo, in Senato sul caso di Stefano Cucchi, il trentenne romano morto in circostanze ancora da chiarire dopo essere stato arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti. E' tornata a parlare anche la sorella del giovane: "Ritengo vergognose e diffamanti le recenti affermazioni, a quanto ne so infondate, sullo stato di salute di mio fratello che considero un vero e proprio atto di sciacallaggio". Nel frattempo il pm della procura di Roma Vincenzo Barba ha ascoltato gli infermieri del 118, che la sera del 15 ottobre scorso sono stati chiamati dai carabinieri della stazione Tor Sapienza in seguito ad un malore accusato da Stefano Cucchi. L'autista del mezzo, il barelliere e l'infermiere avrebbero raccontato di aver visto Cucchi e di avergli parlato. Il giovane, però, si sarebbe rifiutato di farsi visitare e di farsi trasportare in ospedale.

Leggi anche:
Le ultime ore dell'agonia di Stefano Cucchi

Leggi tutto
Prossimo articolo